Cyber Security aziendale Credito D’Imposta 140%

Lo Smart-Working ha cambiato definitivamente le nostre abitudini lavorative. Lavorare da casa con il proprio computer è stata l’unica soluzione per molte persone. Ma quante aziende o studi professionali erano preparate per questo repentino cambiamento? Poche. Infatti gli hacker e il Cyber Crimine hanno trovato terreno fertile per ogni tipo di attacco o frode informatica.

Perciò non si possono più rimandare gli interventi previsti per la sicurezza aziendale. Sono al primo posto tra le priorità.  Per fortuna se andiamo a vedere la Legge di Bilancio 2019, il cui testo è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 31 dicembre scorso (Legge 145/2018) all’articolo 1, comma 229, possiamo recuperare 140% dei canoni o servizi destinati alla protezione della propria rete aziendale (Firewall, proxy, ecc.)

E’ la prima volta che la Cyber Security viene finanziata dallo stato. Anche l’allegato “B”  Articolo 1 , Comma 10 della Legge 11.12.2016 n.2016 cita ” software, sistemi, piattaforme e applicazioni per la protezione di reti, dati, programmi, macchine e impianti da attacchi, danni e accessi non autorizzati (Cyber-Security)”

Compilando il Form si potrà avere una analisi gratuita dello stato della propria sicurezza aziendale post Covid-19.

 

 

 

Condividi su:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sommario

In evidenza

Articoli correlati

Smart working: pro o contro?

Smart Working: tutti i pro e i contro.

Nel precedente articolo abbiamo visto cos’è lo smart working e perché bisognerebbe provarlo, ma è bene precisare che la sua implementazione non porta solo vantaggi,

Cos’è lo smart working

Che cos’è lo smart working?

Tutti ne parlano, molti lo praticano (soprattutto dall’inizio della pandemia), ma alcuni si pongono ancora la stessa domanda: «che cos’è lo smart working?». Per capire