“PASSWORD” la chiave del nostro sistema digitale

Gli incidenti di sicurezza informatica provocati accidentalmente da personale interno all’azienda sono in aumento.

Bastano piccoli accorgimenti per avere un livello di sicurezza accettabile.

Tutto parte dalle nostre password che sono la chiave più vulnerabile del sistema.

Con esse possiamo accedere a documenti, portali web, posta, banca e tanto altro ancora.

Quindi è necessario rispettare alcune regole fondamentali per proteggerle.

I nostri suggerimenti sono:

  1. Cambiare spesso la propria password di accesso al Computer: almeno ogni 6 mesi o anche più frequentemente
  2. Evitare il salvataggio automatico delle password sul browser. E’ consigliabile utilizzare dei sistemi di password management grazie ai quali potrai ricordare una sola master password (password principale) per l’accesso a tutti i tuoi account.
  3. Scegliere password complesse, ma al contempo facili da memorizzare. La password ideale dovrebbe essere composta da almeno 8 caratteri, possibilmente contenere caratteri speciali o cifre e non essere in alcun modo a te riconducibile (data di nascita, nome dei figli o del partner, etc).
  4. Evitare di condividere le credenziali di accesso con altre persone. Se proprio sei costretto a farlo, condividi username e password utilizzando canali diversi (ad esempio username tramite email e password tramite SMS).
  5. Evitare di utilizzare la stessa password per accedere a più siti o account online.

Condividi su:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sommario

In evidenza

Articoli correlati

Smart working: pro o contro?

Smart Working: tutti i pro e i contro.

Nel precedente articolo abbiamo visto cos’è lo smart working e perché bisognerebbe provarlo, ma è bene precisare che la sua implementazione non porta solo vantaggi,

Cos’è lo smart working

Che cos’è lo smart working?

Tutti ne parlano, molti lo praticano (soprattutto dall’inizio della pandemia), ma alcuni si pongono ancora la stessa domanda: «che cos’è lo smart working?». Per capire