Consigli per lo Smart Working sicuro

In questo periodo di particolare difficoltà molte aziende si trovano ad affrontare la sfida di continuare ad offrire i propri servizi ai clienti senza compromettere la sicurezza dei propri collaboratori.
Lo Smart Working o Lavoro Agile è la soluzione che tante aziende stanno adottando.

Molte società già da tempo, hanno iniziato ad incentivare lo Smart Working, nella maggior parte dei casi viene visto in modo positivo dai dipendenti, perché permette di limitare i tempi dedicati agli spostamenti, di organizzare meglio la la propria giornata lavorativa bilanciando gli impegni lavorativi da quelli personali, passando anche più tempo, perché no, con la propria famiglia.

L’adozione forzata del lavoro agile senza un’adeguata formazione del personale potrebbe portare a non valutare correttamente i rischi legati alla sicurezza aziendale.

Di seguito vengono descritte alcune linee di comportamento da seguire quando si lavora da remoto.

1. Evitare le reti WiFi pubbliche.
Quando siamo nel nostro ufficio o azienda, sappiamo che le connessioni cablate o WiFi sono affidabili e sicure grazie all’adozione di Firewall e Antivirus.
Lo stesso non si può dire per le reti WiFi aperte in luoghi pubblici. Sono reti senza alcun tipo di protezione tra gli utenti connessi, quindi un malintenzionato potrebbe intercettare i pacchetti dati che viaggiano dal vostro computer verso l’ufficio (o altri) attraverso la rete pubblica.

Per questo motivo è meglio utilizzare una propria connessione ad Internet, anche attraverso l’uso di hotspot personale tramite il proprio smartphone.
Se proprio non c’è la possibilità di farlo la raccomandazione è quella di utilizzare sistemi che criptano i dati (ad esempio una VPN) prima di collegarsi alla rete pubblica.

2. Non utilizzare Computer personali per il lavoro.
I computer aziendali la maggior parte delle volte sono protetti da una serie di misure quali reti sicure, drive criptati, VPN, anti-virus, e aggiornati costantemente.
Il consiglio è quello di utilizzare per lavorare sempre e solo computer forniti dall’azienda.
Spesso i computer personali non hanno gli stessi accorgimenti in termini di sicurezza che hanno quelli aziendali, considerando anche che spesso sono condivisi con il resto della famiglia.
Connettersi alla rete aziendale con un computer privato potrebbe rappresentare gravi minacce per la sicurezza aziendale.
L’utilizzo di dispositivi personali per l’accesso a dati e risorse aziendali può essere tollerato in caso di dati presenti esclusivamente su piattaforme Cloud o Web avendo sempre l’accortezza di utilizzare l’autenticazione a due fattori per l’accesso.
3. Attenzione agli sguardi indiscreti
Se si lavora in posti pubblici, è sempre meglio utilizzare uno schermo per il monitor in modo da rendere illeggibile a distanza le informazioni presenti a video, oppure posizionarsi in modo tale da non avere nessuno dietro di voi (posti con spalle al muro per intenderci). Inoltre, è sempre buona cosa non lasciare mai incustoditi computer portatili.
4. Criptare sempre i drive
Gli hard disk dove vengono conservati dati di lavoro andrebbero sempre criptati, ci sono soluzioni incorporate in tutti i sistemi operativi che servono esattamente per questo scopo.

Non esiste il sistema informatico sicuro al 100%, è sempre l’utente che con i suoi comportamenti mette a rischio i dati della propria azienda.
La formazione aziendale è parte integrante del sistema di sicurezza con la quale vengono tracciate le linee guida per un sicuro approccio allo Smart Working .

 

Condividi su:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Sommario

In evidenza

Articoli correlati

Smart working: pro o contro?

Smart Working: tutti i pro e i contro.

Nel precedente articolo abbiamo visto cos’è lo smart working e perché bisognerebbe provarlo, ma è bene precisare che la sua implementazione non porta solo vantaggi,

Cos’è lo smart working

Che cos’è lo smart working?

Tutti ne parlano, molti lo praticano (soprattutto dall’inizio della pandemia), ma alcuni si pongono ancora la stessa domanda: «che cos’è lo smart working?». Per capire